Blog

A passeggio per una Milano sconosciuta by Marta Pinosa

  06 Jun, 2019

Milano.

E’ città di moda, è città d’arte, è città di finanza, è città di studi. Milano è tante cose e le cose da vedere e sperimentare sono tantissime.

I luoghi turistici più famosi li conosciamo tutti: il duomo, corso vittorio Emanuele, la zona di Brera con i suoi vicoli tipici, Parco Sempione, l’Arco della Pace e perché no anche il nuovo quartiere di Porta Nuova che annovera anche Milano tra quelle “city” divise tra centro storico e centro ristrutturato con tutte le nuove tecnologie e strutture dell’ultimo millennio.

Milano è però anche la città delle piccole cose, dei posti nascosti, dei vicoli ciechi.

Ecco dunque un breve elenco di alcuni dei posti un pochino meno noti, ma assolutamente imperdibili.

Partiamo dalle zone centrali, facilmente raggiungibili con i mezzi o a piedi.

Vicino a Cadorna, dopo aver passeggiato per Parco Sempione e aver visitato La Triennale, con una breve camminata verso corso Magenta e poi Via Sant’Agnese si può raggiungere un piccolo ma caratteristico giardino: il giardino di Aristide Calderini.

Il giardino di colloca tra i resti di un edificio di metà del Quattrocento che è stato distrutto dai bombardamenti della seconda guerra mondiale: ciò che resta sono il porticato e alcune statue.

A 10 minuti a piedi da via Sant’Agnese si trova un altro interessantissimo sito archeologico che spesso non compare tra le pagine delle guide turistiche: si tratta dei fori romani milanesi.

Il foro si estendeva per 160 metri di lunghezza e 100 di larghezza, ma è oggi visitabile solo in alcuni tratti, nei sotterranei della Biblioteca Ambrosiana e della Chiesa di San Sepolcro (è possibile visitare il luogo tramite acquisto di un biglietto o durante occasioni speciali come aperitivi)

Dopo una visita nei sotterranei è il caso di tornare in superficie e godersi un’altra visita all’aperto e dove se non nel cuore della città? A poca distanza infatti è possibile raggiungere piazza della Scala dove si trova uno dei più famosi musei privati milanesi: le Gallerie d’Italia. La visita al museo è consigliatissima (vi sono inoltre specifiche visite speciali per bambini) ma forse non molti sanno che al suo interno è possibile accedere anche a un giardino: il giardino nascosto di casa Manzoni.

Ultimi due luoghi consigliati per una visita di Milano non convenzionale sono sicuramente Villa Invernizzi dal perfetto stile liberty e un maestoso giardino pensile, anche se la cosa più curiosa sono i magnifici fenicotteri rosa che ospita.

Ultimo, ma non per importanza, consiglio non è un vero e proprio luogo ma una piccola viuzza che quasi nessuno conosce: Via Abramo Lincoln. Si tratta di una piccola stradina dove è possibile ammirare una Milano diversa dall’immaginario collettivo, scura, grigia e opaca; i colori qui la fanno da padroni e quasi ci si immerge in un vero e proprio acquarello.