Blog

L’arte per i giovani: il Gruppo Giovani del Museo Poldi Pezzoli by Marta Pinosa

  02 Apr, 2019

“Arte è ciò che il mondo diventerà, non ciò che il mondo è”
Karl Kraus –

Immaginare un’opera di Leonardo appesa alle pareti di una pista da ballo o una scultura del Canova al centro di una sala piena di giovani che fanno festa e si divertono non è l’ideale di esposizione che il pensiero comune si immagina. L’immaginario popolare collega infatti l’arte al museo, all’esposizione, alla staticità delle pareti. La realtà però potrebbe essere differente.

Ma torniamo indietro di qualche passo.

Che l’Italia sia un paese ricco d’arte e di storia ce lo insegnano sin dalle elementari, che Milano sia tra i principali poli culturali sul suolo nazionale è risaputo, che sia impossibile lasciare visitare il paese senza innamorarsi delle sue bellezze è un fatto certo. Le certezze però sono anche altre: la nuova generazione è la generazione digitale, quella del tutto on line e niente of line, quella del “ti mando un Whatsapp” al posto di una stretta di mano. Come dunque il patrimonio può essere gestito da questa new generation chiedono quelli che sono un po’ meno new?

Una risposta c’è. Ed è una risposta innovativa, fresca e decisamente al passo con i temi del momento: uno modo totalmente new age per avvicinare l’arte e la cultura al mondo dei giovani.

La risposta viene dal Gruppo Giovani del Museo Poldi Pezzoli.

Il Museo è una pietra miliare del panorama milanese, la sua posizione centrale, il suo magnifico edificio, la sua ampia collezione lo annoverano tra le realtà museali private più affermate sul territorio.

Il Gruppo Giovani del Poldi Pezzoli nasce con un grande obiettivo: promuovere iniziative finalizzate a sostenere il patrimonio artistico, diffondere le attività culturali, promuovere la conoscenza del Museo e delle sue collezioni in Italia e all’estero.

Ma cosa significa in pratica?

Le iniziative sono davvero innumerevoli e sempre nuove: dalle visite guidate personalizzate, visite culturali in città, visite a collezioni pubbliche e private di particolare interesse, conferenze ed apertivi. L’offerta dunque è proposta con l’obiettivo di rendere il più possibile partecipe il pubblico. Ecco dunque il contesto nel quale si è svolto AMART Gala.

L’iniziativa è nata grazie alla collaborazione tra il Gruppo Giovani Poldi Pezzoli e i Giovani Antiquari.

L’evento

La location scelta è stato Palazzo Bovara, palazzo costruito nel XVIII secolo e noto per essere stato sede dell’ambasciata francese a Milano, che per l’occasione è stato allestito a metà fra una galleria e un palcoscenico: una stanza è stata totalmente dedicata all’esposizione di opere di antiquariato, mentre un’ampio spazio è stato dedicato al DJ set e all’esibizione di una violinista d’eccezione, il tutto accompagnato da open bar e light dinner.

Ultimo dettaglio il dress code: elegante con un tocco di fluo, un modo divertente e colorato per dare carattere all’evento stesso.

Ecco dunque come giovani e arte possono incontrarsi in una perfetta unione che valorizza le capacità dei primi e la bellezza della seconda, senza lasciare mai da parte divertimento da un lato e apprendimento dall’altro.

Il Gruppo Giovani Poldi Pezzoli è attivo per creare sempre nuove iniziative dunque: stay tuned!